Accessibilità

Centro storico

Centro storico

Sassuolo, dalla così marcata vocazione produttiva che l’ha portata in pochi frenetici decenni dal dopoguerra ad oggi,  a divenire la “Capitale mondiale della Ceramica”, conserva ed offre al visitatore un inaspettato quanto ricco Centro storico, per la cifra artistica dei suoi monumenti, che merita una visita accurata.

Piccoli Itinerari attraverso la storia, le tradizioni, alla ricerca di luoghi di spiritualità ma anche di oasi di piacere per il palato: qualsiasi siano i vostri interessi e il vostro mezzo di trasporto, non vi deluderà. La città, con il suo raccolto centro storico, invoglia infatti a passeggiare con lentezza, a gustare in Centro Storico, gli eleganti palazzi, i monumenti, le piazze e gli angoli nascosti.

Una città che sa di accogliente intimità, dove le persone girano ancora in bicicletta e camminano, senza la frenesia e la fretta che caratterizzano i ritmi delle grandi città, con la consapevolezza che, accanto alla grande vocazione al lavoro, occorra anche la capacità di apprezzare l’Arte e i piaceri della vita condivisa con gli amici, il gusto della tavola e l’amore per le tradizioni e i piatti tipici emiliani.

 

 

Non si può ovviamente prescindere dal Palazzo Estense: Il vero, straordinario gioiello barocco che vale sicuramente la visita nella nostra città è il seicentesco Palazzo Ducale (progettato da Bartolomeo Avanzini), sede estiva dei Duchi di Modena che abbacina – letteralmente – il visitatore nella teoria ininterrotta di preziosi affreschi e stucchi ovunque, camini e specchiere.. Immenso il salone d’onore, dove riecheggiano i fasti degli antichi banchetti delle feste e che, dal 2015, dalla primavera fino a novembre, rimane aperto per tutti i giorni della settimana.  

Da qui, l’itinerario classico per il turista è quello che si snoda, dal Palazzo verso la Piazza Garibaldi (tipica con le sue canalette d’acqua ai lati) e che  rappresenta Il cuore civile di Sassuolo, circondata da un porticato uniforme con colonne in cotto: al centro la Torre dell’orologio, costruita nel 1676 per volere del Duca Francesco II d’Este.

Per poi proseguire in  via Menotti e via Battisti, il Viale xx Settembre e altre vie laterali, dove l’offerta  – varia e di qualità – dei negozi per lo shopping,costituiscono un ininterrotto Centro commerciale naturale, capace di soddisfare ogni esigenza del  consumatore più attento. Ristoranti, gelaterie, pasticcerie e drogherie con i prodotti “doc” made in Sassuolo (tra questi il celebre liquore “Sassolino” dalla ricetta segreta basta sull’anice stellato) possono completare l’itinerario, offrendo soste (dolci e salate) tali da rendere memorabile il ricordo della visita nella Capitale delle piastrelle di ceramica

Una semplice bici, magari noleggiata, presso le locali stazioni dei treni, vi potrà poi  permettere di raggiungere la prima importante oasi verde, posta proprio dietro al Palazzo ducale ornato da un grande Parco (ex – ducale) contrassegnato da un imponente filare centrale di maestosi alberi, mentre gli amanti dell'acqua potranno risalire il percorso che porta al Parco fluviale del Secchia e ascoltarne la voce, che ancora si estende, racchiusa tra le colline che delimitano i confini del territorio  verso la provincia e le sponde reggiane.

 

 

Per informazioni sugli eventi del centro storico

www.sassuoloturismo.it