Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Avvisi > Ricognizione dei danni causati dal maltempo sul patrimonio edilizio

Ricognizione dei danni causati dal maltempo sul patrimonio edilizio

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo stato di emergenza causato dalle ripetute e persistenti avversità atmosferiche che hanno colpito i territori di alcuni Comuni delle province di Reggio Emilia, Modena, Bologna, Forlì-Cesena e Rimini nei giorni dal 2 febbraio al 19 marzo 2018. Conseguentemente, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile ha emanato in data 19/07/2018 l’ordinanza n. 533/2018con la quale, il Presidente della Regione Emilia-Romagna, in qualità di Commissario delegato, ha avviato la ricognizione dei fabbisogni finanziari relativi al patrimonio pubblico, privato, alle attività economiche e produttive secondo le procedure tecnicoamministrative disciplinate nell’ordinanza stessa. In analogia con le precedenti ricognizioni l’attività si estende anche ai beni mobili e mobili registrati privati e alle attività agricole, sebbene non previsto dall’OCDPC n.533/2018.

In particolare, per quanto concerne la ricognizione degli interventi sul patrimonio edilizio privato, beni mobili, beni mobili registrati, attività economiche e produttive, nonché attività agricole e agroindustriali, si informa che i privati coinvolti, a seconda della tipologia di danno subito, devono compilare una delle schede reperibili in calce.

Entro e non oltre il 24 settembre le schede, debitamente compilate e corredate dei relativi allegati, sono da inviare al Servizio Tutela del Territorio e Protezione civile del Comune di Sassuolo a mezzo PEC:

I soggetti che non sono tenuti per legge alla trasmissione a mezzo PEC potranno consegnare le schede direttamente presso l’Ufficio protocollo del Comune, in via Fenuzzi 5 a Sassuolo, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00.

Si precisa che, ai sensi dell’art. 9 comma 4 dell’OCDPC n.533/2018, tale ricognizione dei danni non costituisce riconoscimento automatico del finanziamento.

Avviso pubblico

Scheda B

Scheda C