Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Avvisi > A Sassuolo sboccia la primavera con "Sassuolo in Fiore"

A Sassuolo sboccia la primavera con "Sassuolo in Fiore"

Il centro storico di Sassuolo si trasforma in un grande giardino a cielo aperto grazie alla mostra mercato florovivaistica sempre molto attesa in città: Sassuolo in Fiore, che torna per la 13°edizione!

Organizzata da Sgp Eventi col patrocinio del Comune di Sassuolo, è in programma per sabato 7 e domenica 8 maggio 2022

In tutto il centro storico saranno in mostra tantissime varietà di fiori e piante, esotiche ed orientali, colorate, profumate e di grandi dimensioni, pronte per adornare balconi, giardini e appartamenti che sbocceranno per tutti i mesi estivi. 

I floricoltori sapranno consigliare come coltivare al meglio le piante da loro prodotte. Non c'è bisogno di avere il pollice verde, bastano volontà e amore per la natura e il verde. 

Le Rose antiche, a cespuglio, rampicanti, profumate e colorate, ibride e rare saranno le protagoniste dell’edizione primaverile grazie ad uno dei maggiori produttori dalla Toscana.

La Mokarosa presenta un colore del tutto nuovo e insolito, definito caffè-crema, di intensità cangiante a seconda dell'apertura del fiore. La pianta ha portamento eretto e presenta fiori grandi, talvolta raggruppati e con ottima rifiorenza. La Borneo Odore è una varietà di rosa creata dai famosi ibridatori dei Paesi Bassi. Presenta grandi fiori rosa acceso e anche doppi, dai petali delicatamente sfrangiati e dal profumo acceso. Questa rosa ha ottenuto vari riconoscimenti, è resistente alle malattie e anche ottima come fiore reciso. 

E ancora la nuova ortensia runway bride in esclusiva in Italia; dal colore bianc ed è l'unica che fiorisce anche sulle gemme laterali oltre che su quelle apicali. 

Si potranno poi acquistare piante fiorite o gemmate come le azalee, camelie, rododendri, calle, clematidi. Richiestissime, di facile coltivazione e rifiorenti per tutta l’estate le: surfinee e le potunie, già in vasi pensili per abbellire portici e balconi; in particolare la surfinea night sky, l’ibrido di petunia dal colore unico che ricorda un cielo stellato. Le million bells, altro ibrido, con i fiori più piccoli rispetto a quella della petunia, in un solo vaso vanno dal rosa, al bianco, al viola, al giallo. Coltivate in giardino, in terrazzo o appese in un bel paniere regaleranno allegrai per tutta la stagione. 

Per gli amanti dei colori vivaci imperdibili dipladenie e gerani, e il mesembriantemo, detto anche amico del sole, è una delle più belle piante da fiore ad “effetto” anche per il balcone in colori arancio, lilla, giallo. Si propaga rapidamente e forma cuscini di vegetazione molto colorati. 

A Sassuolo arriva anche la yucca, bella, versatile e indistruttibile, una delle piante più diffuse in appartamento. Originaria del centro America, della California e del Messico, in natura diventa un vero e proprio albero, mentre in casa non supera 1,5-2 m di altezza. Non mancheranno poi piante dal sapore estivo come ficus, aloe vera, piante verdi da interno come la calatea, il caladium, la tradescanzia, la dracena, il potus, le felci, oltre che esteticamente belle, salutari per il benessere degli spazi abitativi. 

Anche le begonie saranno di grande impatto, come la ormai famosa begonia maculata, il Syngonium Albo variegata è una pianta rara molto apprezzata dai collezionisti per la forma e la bellezza della foglia mezza bianca e mezza verde, ma anche perché è una pianta che non necessità particolari attenzioni e cure. O il Syngonium rosa bellissima e facile da coltivare, è perfetta per i principianti che desiderano far crescere le loro giungle urbane. 

Per chi cerca un’altra pianta da aggiungere alla collezione troverà il Philodendron Birkin, che deve il suo nome in omaggio alla famosa, e costosissima, borsa Birkin della casa di moda francese Hermès, è il risultato diinnesti “manipolazioni” tra tipologie di Philodendron della foresta tropicale brasiliana. Le foglie prendano spesso colorazioni rosacee e variegate metà verdi e metà bianche. 

Sassuolo in Fiore ospiterà uno dei pochissimi produttori di piante carnivore in Italia, disponibile a dare tanti consigli su come coltivare e mantenere attive queste particolari esemplari come la Sarracenia, la Dionea, la Drosera e la Nepentes. Dalla foresta di Sumatra arriva anche l’Amorphophallus una tuberosa che produce la più grande infiorescenza del mondo; ha una forma a calice e un aspetto vellutato. L’interno del calice è di colore violaceo, mentre l’esterno è verde. Al centro del fiore c’è uno spadice che può arrivare ad essere alto due o tre metri. 

Gli amati delle piante grasse, succulente e rare troveranno tante varietà nella storica mostra-mercato cittadina, inoltre anche bonsai di varie grandezze e particolari composizioni di grasse da collezione, aloe vera e grandi orchidee. 

Non mancheranno le erbe aromatiche da utilizzare in cucina per preparare gustose pietanze green style: dal rosmarino al basilico, dal timo al coriandolo, passando per la salvia, la santoreggia e le tantissime varietà di menta, pomodori, insalate, fagiolini, fragole e tante tipologie di peperoncini in vari livelli di piccantezza. 

Infine piante erbacee perenni di colori e tipologie differenti, cespugli da fiore, ulivi, agrumi e limoni, oltre che vasi e contenitori, anche di grandi dimensioni, per completare la proposta vivaistica.

Sassuolo in Fiore è davvero per tutti, sia per gli appassionati del giardinaggio, sia per il neofita che vuole approcciarsi per la prima volta al settore per abbellire i propri balconi, senza necessariamente dover disporre di un giardino. 

La manifestazione comprende come ogni anno anche selezionatissimi stand di artigianato a tema, terriccio per piante, arredi e decorazioni in ferro, terracotta e bijoux, e una gustosa passeggiata tra le delizie delle nostre regioni italiane: dal Piemonte prodotti tipici caseari, salumi e distillati dalla Puglia l’olio extravergine di oliva, taralli dolci e salati di produzione, Ekalo’ Mb wine and food propone funghi, tartufi freschi e derivati, risotti e zuppe, i formaggi della Valcamonica di Alta Via e i suoi erborinati di capra.