Accessibilità

Associazioni: iscrizione al registro, elenco, informazioni

Le Associazioni senza scopo di lucro possono richiedere di iscriversi al Registro per ottenere il numero di iscrizione. I cittadini possono consultare l'elenco delle Associazioni presenti sul territorio

Creando l’anagrafe comunale il Comune vuole offrire alla città un utile strumento di conoscenza delle competenze, delle caratteristiche e delle finalità delle numerose associazioni presenti sul territorio sassolese.
Le associazioni iscritte negli elenchi regionali delle associazioni di promozione sociale e di volontariato con sede sul territorio sassolese possono iscriversi all’anagrafe comunale delle associazioni compilando semplicemente la scheda di aggiornamento.
Le associazioni con sede sul territorio sassolese non iscritte in questi elenchi invece debbono presentare, oltre alla scheda di aggiornamento compilata, anche la richiesta di iscrizione, a firma del legale rappresentante, indirizzata al Sindaco. La documentazione può essere inviata all'indirizzo email 
Per informazioni Ufficio Cultura Tel. 0536880885
Una volta recepita e accolta la richiesta, l’associazione verrà inserita nell’anagrafe comunale delle associazioni pubblicate sul sito internet. In caso di diniego della richiesta di iscrizione, il Comune invierà una comunicazione all’associazione richiedente motivando le ragioni del non accoglimento.

Con la Delibera n. 49 del 2010 la Giunta comunale ha deciso di creare l’anagrafe comunale delle associazioni. Scopo dell’anagrafe è la valorizzazione delle forme associative locali in un’ottica di maggiore trasparenza e comunicazione. 

 

Elenco delle Associazioni iscritte all'anagrafe

Cittadino, Associazione
Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:

60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione

L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi

L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

Strumenti di tutela amministrativa

  • Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
  • Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
  • Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).