Accessibilità

06-11 anni: trasporto scolastico

I genitori di bambini dai 6 agli 11 anni che frequentano le scuole primarie del territorio possono chiedere di utilizzare il servizio di trasporto scolastico.

Cos'è
Requisiti e dettagli

Il servizio consiste nel trasporto  casa-scuola e scuola-casa , è effettuato in base ad un percorso prestabilito con carico e scarico degli alunni presso le fermate ed è in funzione  dal primo giorno di scuola.

E' riservato agli alunni della scuola primaria la cui abitazione (residenza anagrafica) disti non meno di mille metri in linea d’aria dalla scuola di assegnazione o che si trovi ubicata in zona a particolare concentrazione di traffico urbano ed extraurbano, ancorché distante meno di mille metri in linea d’aria dalla scuola di assegnazione.

E' previsto per le seguenti scuole primarie: Vittorino da Feltre, G. Bellini, S. Agostino e Caduti per la Libertà.

Le famiglie devono presentare domanda di iscrizione on line entro il 31 luglio . Le domande hanno valenza annuale (da settembre  a giugno di ciascun anno scolastico) e dovranno essere ripresentate all'inizio di ogni nuovo ciclo scolastico.

Per l’ammissione degli alunni che si iscrivono per la prima volta al servizio di trasporto  è indispensabile allegare alla domanda  una fotografia formato tessera dell’alunno.  La tessera di viaggio e tutte le informazioni su linee, percorsi, fermate, orari, saranno inviate a casa prima dell’avvio dell’anno scolastico. 

Eventuali domande di iscrizione presentate fuori termine sono accolte compatibilmente con le linee di trasporto già istituite e nel rispetto della capienza dei mezzi.

Consulta guida alle iscrizioni 

Modalità di richiesta
Servizio on line
Come accedere ai servizi online
Autenticazione Federa livello medio
Come ricevere/fornire informazioni aggiuntive

Carla Benati - Tel. 0536 880777  email: cbenati@comune.sassuolo.mo.it

Federica Schenetti- Tel. 0536 880884  email: federica.schenetti@comune.sassuolo.mo.it

Tempi e costi
Costi a carico del cittadino / impresa

Gli utenti del servizio partecipano alla spesa tramite il versamento di una contribuzione a parziale copertura dei costi sostenuti dall’Amministrazione Comunale per l’erogazione servizio.

La quota di contribuzione è stabilita annualmente dal Comune.

I genitori dei bambini residenti nel Comune di Sassuolo possono chiedere la riduzione della tariffa di contribuzione massima presentando apposita richiesta attestante il valore ISEE (indicatore della situazione economica equivalente), prima dell'inizio della frequenza.  

Le modalità di pagamento vengono comunicate insieme all'informativa sul servizio; l'effettivo pagamento avviene sulla base dell'apposito bollettino inviato agli utenti iscritti.  

Consulta l'informativa sulle rette

Modalità di pagamento

Il pagamento dei servizi scolastici dovrà essere effettuato tramite il “bollettino familiare” pagoPA che verrà inviato a casa, unitamente ad un avviso contenente la descrizione delle varie modalità di pagamento e dei singoli importi.

I bollettini potranno essere pagati:

- attraverso l’APP IO;

- attraverso il sistema PagoPA accedendo al portale al cittadino EntraNext; 

- attraverso il sistema PagoPA   presso tabaccherie, istituti bancari e postali accreditati e presso qualunque ufficio postale utilizzando il bollettino precompilato trasmesso alla famiglia;

- Con addebito diretto sul proprio conto corrente.

NB :  Richiedendo l'addebito  diretto in conto corrente è possibile ottenere la riduzione del 10% delle rette scolastiche. 

Per fare richiesta occorre comunicare i propri dati bancari compilando il modulo "MANDATO SEPA"  ed inviarlo ai seguenti indirizzi email :

rscaletta@comune.sassuolo.mo.it

federica.schenetti@comune.sassuolo.mo.it

 

Scadenza / Periodicità / Frequenza

 Il termine per la presentazione delle domande è stabilito annualmente

Tempi del procedimento

Prima dell'inizio dell'anno scolastico viene inviata alle famiglie degli utenti la comunicazione scritta contenente l' accettazione della domanda, la tessera di viaggio e tutte le informazioni su linee , fermate e orari. In caso di domande pervenute fuori termine, i tempi di risposta sono variabili ed in ogni caso subordinati alle esigenze organizzative del servizio.

Responsabili e strumenti di tutela
Unità organizzativa responsabile istruttoria
Servizio Istruzione
Responsabile procedimento
Giuseppina Mazzarella
Soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo
Segretario Comunale
Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

 

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:
60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

 

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione
L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

 

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi
L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

 

Strumenti di tutela amministrativa

Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).

Altre informazioni utili
Normativa
Altre informazioni