Accessibilità

Cremazione

Dopo la denuncia di morte è possibile procedere alla sepoltura oppure alla cremazione. A seguito della cremazione le ceneri possono essere conservate in cimitero o in abitazione privata o disperse. E' possibile richiedere la cremazione anche di resti sepolti in terra da almeno 10 anni o in loculo da almeno 20. La cremazione è autorizzata dal Comune quando è stata documentata la volontà del defunto.

Cos'è
Requisiti e dettagli

La domanda è indirizzata al Sindaco del comune di decesso:
può esser presentata personalmente dal coniuge o parente del defunto, anche tramite un loro incaricato (addetto Impresa di Onoranze Funebri).
Alla richiesta di cremazione sono allegati tutti i documenti comprovanti:
1.la volontà del defunto di essere cremato;
2.il certificato del medico necroscopo dal quale sia escluso il sospetto di morte dovuta a reato, oppure il nulla osta dell'autorità giudiziaria.
3.copia del documento di identità valido del richiedente

Responsabili e strumenti di tutela
Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

 

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:
60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

 

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione
L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

 

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi
L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

 

Strumenti di tutela amministrativa

Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).

Altre informazioni utili
Normativa

DPR n. 285 del 10/09/1990
Legge 26/2001
Legge 130/2001
Dpr 254/2003
Legge Regionale 27.07.2004 n. 19 e successive modifiche ed integrazioni.

Ufficio al quale rivolgersi

Stato Civile

Responsabile: Giancarla Visconti

Contatti

Telefono: 0536 880 943-804-734-897 - Fax 0536 880 903
Email: statocivile@comune.sassuolo.mo.it
PEC: demografici@cert.comune.sassuolo.mo.it

Orari

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9.00 alle 12.30

Giovedì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30

Lo Stato Civile risponde telefonicamente da lunedì al sabato dalle 11.00 alle 12.30, il giovedì anche dalle 15.00 alle 17.00

Sede

Via del Pretorio, 18

41049 Sassuolo (MO)